Brasile: bimbo concepito da un utero di donna deceduta

Uno studio pubblicato sulla rivista The Lancet  rende noto che, un anno fa in Brasile, è stato concepito il primo bambino grazie ad un utero trapiantato in una donna non fertile, da una donatrice deceduta.




Accessibile a tutti (quasi)

L’uso di donatori deceduti, e quindi di non solo donatori vivi, per i trapianti uterini “potrebbe aumentare significativamente l’accesso a questo trattamento“, è quanto ha affermato Dani Ejzenberg dell’ospedale universitario di San Paolo.

Sicuramente un fatto che farà molto discutere, sopratutto nel mondo cattolico, ma non solo.




E tu.... cosa dici!!??

Lascia un commento