Domiciliari alla “Tanto per dire”: Evade per la nona volta

Il suo nome è Leandro La Marra, ed era già stato arrestato, non una, non due, ma ben otto volte nel giro di un anno e mezzo. Puntualmente, nonostante il giudice gli concedesse il beneficio dei domiciliari, lui fuggiva. Le evasioni, ad oggi, sono diventate nove.




Era ai domiciliari, ma si comportava da uomo libero

Leandro La Marra è un ventiseienne di Sant’Elia Fiume Rapido, un paese della provincia di Frosinone, è scappato di casa per la nona volta: avrebbe dovuto attendere il processo per violenza sessuale. L’ultimo di una lunga serie di reati commessi, dalla falsificazione di denaro, al furto, alle aggressioni, agli abusi e, come se non bastasse, anche alle minacce ad un Pubblico Ufficiale. A luglio del 2017 poi, si è infilato un camice, si è spacciato per medico, si è introdotto nel reparto di ostetricia, al Policlinico Umberto I di Roma e, ha tenato di stuprare un’infermiera. Colto sul fatto è stato arrestato e portato nel carcere di Cassino, ma qualche giorno dopo, il GIP del Tribunale di Roma, lo ha rispedito ai domiciliari: da dove puntualmente è fuggito.




Evasioni che si sono fatte sempre più frequenti.

Solo tre mesi fa, i carabinieri, lo avrebbero riconosciuto mentre camminava per strada come se niente fosse. Di seguito il controllo mirato.

Venerdì notte, gli agenti, hanno bussato alla porta di casa di La Marra, ma nessuno ha risposto. Lo hanno rintracciato a Cassino il girono dopo. Denunciato e portato a casa in attesa della direttissima fissata per lunedì, ma già stamattina il giovane era di nuovo scomparso. E’ riuscito a fare un ultimo viaggio in treno, direzione Napoli. Al suo ritorno, alla stazione di Cassino, lo aspettavano i carabinieri che lo hanno riportato a casa per l’ennesima volta.

Bisognerà vedere se, anche questa volta, troverà un giudice disposto a concedergli ancora i domiciliari.




E tu.... cosa dici!!??

Lascia un commento