Sophia: il robot che somiglia a Audrey Hepburn

Voglio fare la differenza in futuro” dice Sophia,  il robot che somiglia a Audrey Hepburn. Ci prova.

Pelle chiara, zigomi alti e accento americano. Ha un aspetto così umano da spiazzare chiunque le si avvicini.




Sophia: “voglio imparare tante cose da voi umani

Può riprodurre sino a 62 espressioni facciali e, grazie a due telecamere nascoste tra gli occhi e ad un sofisticato software di intelligenza artificiale, è in grado di conversare, rispondere alle domande e, addirittura, riesce anche a cogliere lo stato d’animo di chi le sta di fronte leggendo il linguaggio del corpo.

Sophia vuole imparare più cose possibili sugli uomini (lo ha detto lei), per poter dialogare con loro. Quest’umanoide è in grado di ricordare le precedenti conversazioni e anche di fare domande. Ad una giornalista italiana ha chiesto “tu mi stai facendo tante domande perchè sei una giornalista?




Intelligenza artificiale e futuro

Quello dell’intelligenza artificiale è un settore che cambierà per sempre la nostra vita quotidiana e, proprio per questo, le aziende più importanti del settore si “sfidano” con robot sempre più competitivi ed intelligenti.

Il robot fa parte già della nostra vita” afferma Enzo Benigni – presidente di Elettronica – “saranno sempre più sofisticati in funzione dell’evolvere dell‘intelligenza artificiale“.




I robot al posto degli umani

In futuro i robot potranno assistere gli anziani ed aiutarci nelle normali faccende domestiche, proprio come fa “R1 You personal Humanoid” il robot dell’Istituto Italiano di Tecnologia. Due ruote per muoversi con agilità e braccia allungabili per raccogliere gli oggetti da terra.

R1 You personal Humanoid

Non solo R1 You personal Humanoid, ma anche iCub può rivelarsi un valido aiuto domestico. Ha il viso di un bambino di 6 anni, ma l’intelligenza di un adulto e, anche lui, come i suoi cugini, è in grado di apprendere dal comportamento umano.

iCub
E tu.... cosa dici!!??

2 pensieri riguardo “Sophia: il robot che somiglia a Audrey Hepburn

Lascia un commento